CONOSCIAMO MEGLIO LE CULTIVAR Frantoio: larga diffusione, buona resa e facile da abbinare.

Un olio denso e aromatico, con colori verde scuro che lascia vedere belle venature dorate. Queste le caratteristiche del Monovarietale Frantoio. Ma cerchiamo di conoscerlo meglio….dall’albero alla tavola.

Quando si parla di Frantoio si fa riferimento ad una particolare varietà della pianta di olivo che, con ogni probabilità proviene dalla regione Toscana ed è tra le varietà maggiormente coltivate sia in territorio nostrano che in campo europeo ed internazionale. Dobbiamo questa larga diffusione per le sue particolari caratteristiche, sia dal punto di vista produttivo che qualitativo.

L’OLIVO frantoio è un albero di grandezza media, con uno sviluppo decisamente vigoroso, con una larga chioma, e una ramificazione principale molto fitta.

L’impollinazione dell’olivo frantoio risulta essere piuttosto differenziata e su questa fase possono essere importanti le influenze di tante altre varietà di olivo, come ad esempio il Leccino.

Altra particolare caratteristica di questo olivo sono le infiorescenze particolarmente lunghe, che comprendono tutta una serie di fiori dalle elevate dimensioni.

Questa particolare varietà di olivo presenta una fruttificazione piuttosto vigorosa e, al tempo stesso, anche molto abbondante sotto il profilo quantitativo, regolare, ma anche tardiva. Proprio quest’ultima caratteristica permette che la varietà Frantoio di olivo possa contare su una maggiore protezione nei confronti del freddo.

L’OLIO frantoio all’olfatto; sentiamo netta l’oliva, l’erba fresca, il carciofo, con una nota pungente e vegetale.

Al gusto ritornano il sapore netto di oliva, il carciofo, la nota di erba fresca e di mandorla, il vegetale e il piccante.

A cosa lo abbiniamo? Carne alla griglia, alle bruschette con il pomodoro fresco e per condire le zuppe di legumi.

Non resta che provare!!

2017-07-31T10:18:23+02:00